Home Città Visita ginecologica impossibile per i disabili: il lettino speciale non c’è.

Visita ginecologica impossibile per i disabili: il lettino speciale non c’è.

Di la redazione
Lorella Ronconi
Lorella Ronconi denuncia l’ennesima discriminazione: alcuni ambulatori hanno ancora lettini fissi, impossibili da usare da parte di chi è in carrozzina. Stessa cosa per le visite urologiche.

GROSSETO. E sul lettino del ginecologo come ci salgo? Se la domanda vi fa sorridere, ci sono donne che non ridono per niente. Per chi si trova in sedia a rotelle, o per chi è anziana e ha difficoltà a sollevarsi, una visita può anche diventare impossibile. La stessa cosa succede a tutti, uomini e donne, in caso di necessità di una visita urologica. Anche in questo caso un lettino, se non adatto a chi non può reggersi sulle proprie gambe, può essere un ostacolo insuperabile.La denuncia arriva da Lorella Ronconi, da anni in sedia a rotelle, attivista grossetana per i diritti dei diversamente abili e instancabile stanatrice di piccole e grandi ingiustizie che, ancora nel 21º secolo, continuano a rendere impossibile la vita a molti cittadini.Oltre alle barriere architettoniche sui marciapiedi e sugli ingressi di locali pubblici e privati, paradossalmente anche una visita medica può essere inaccessibile.«Nei giorni scorsi ho avuto necessità di fare una visita urologica – spiega Lorella –. Ho chiamato uno studio privato grossetano dove vado sempre. Stavolta però ho dovuto rinunciare alla visita perché il lettino dell’ambulatorio non si può abbassare, e io da sola non riesco a salirci».Finora Lorella ha potuto contare sull’aiuto del padre o della tata che, con gran fatica, la sollevavano dalla carrozzina e la stendevano sul lettino. «Ma mio padre è anziano – dice Lorella – ha 87 anni. E la mia tata in questo periodo non c’è, e comunque ha dei problemi a una spalla. E poi, insomma, è una questione di principio e di sicurezza. L’estetista davanti a casa mia ha un lettino perfettamente abbassabile, elettrico, e chiunque può andare e farsi un trattamento. E come? Ce l’ha un’estetista e non ce l’ha un centro medico? Qui non si parla mica di mettersi un rossetto? Qui si parla di diritto alla salute e di avere, come tutti, la possibilità di andare a fare una visita».Secondo Ronconi è anche sbagliato contare sull’aiuto estemporaneo del medico o di un infermiere, come in passato le è stato proposto. «Non è giusto che il medico venga chiamato a fare cose che non gli competono – dice Lorella Ronconi – con in più il rischio che, se la persona disabile che sta aiutando gli cade dalle mani, poi passa pure dei guai. I lettini che si abbassano esistono, ci sono, ce li hanno diversi centri medici della città ed è l’ora che, dove mancano, vengano messi. Perché non servono solo a chi è in carrozzina, ma anche a chi è anziano, a chi ha una disabilità temporanea perché, ad esempio, si è rotto una gamba».Il Tirreno ha contattato il centralino di alcuni centri grossetani. Lettini abbassabili, e quindi adatti anche a chi è in carrozzina, sono presenti allo Studio Picotti Algeri e nelle due sedi del Centro Vasari.All’Orion, invece, spiegano di non averne ma anche che non ce n’è mai stata richiesta; alla Salus spiegano di averne solo di fissi.

Fonte www.iltirreno.it

Articoli simili

Lascia un commento

Questo sito fa uso di cookie, file di testo che vengono registrati sul terminale dell'utente oppure che consentono l'accesso ad informazioni sul terminale dell'utente. I cookie permettono di conservare informazioni sulle preferenze dei visitatori, sono utilizzati al fine di verificare il corretto funzionamento del sito e di migliorarne le funzionalità personalizzando il contenuto delle pagine in base al tipo del browser utilizzato, oppure per semplificarne la navigazione automatizzando le procedure (es. Login, lingua sito), ed infine per l'analisi dell'uso del sito da parte dei visitatori. accetta leggi di più